LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO - (pag. Le/X 2 aprile 2016)

SALICE Arcangelo Fina replica alle accuse di Tonino Rosato

Ex porcilaia e ambiente, ora scontro; assessore al contrattacco

Ex porcilaia e ambiente, ora  scontro; assessore al contrattacco






SALICE – “L’opposizione s’interessa di ambiente solo per fini propagandistici”. Arcangelo Fina, assessore comunale all’Ambiente, replica al consigliere di opposizione e consigliere provinciale Tonino Rosato il quale, nei giorni scorsi, ha accusato l’Amministrazione di “immobilismo” ed di “insensibilità” rispetto al problema dell’ex porcilaia.

Quest’ultima, poco distante dal centro abitato, dal 2012 è in uno stato di completo abbandono, con le coperture in eternit dei numerosi capannoni pericolosamente cadenti. Rosato è intervenuto dopo l’interrogazione al ministro presentata dal senatore Vittorio Zizza.

“Per noi – dice Fina - è sempre una buona occasione parlare di ambiente, ma dispiace pensare che altri ne parlino solo per farne subdolo uso propagandistico. Il consigliere Rosato, per mettersi in evidenza, si è appoggiato al senatore Zizza pur sapendo che il suo intervento non potrà recare alcun beneficio, se non altra propaganda”.

“Il problema della ex porcilaia – continua l’assessore - è annoso: le lastre di amianto sono lì da sempre e mi chiedo come mai Rosato, che è stato amministratore e consigliere provinciale, non ha cercato di risolverli prima. Risolveremo anche questo problema come i numerosi che abbiamo avuto in eredità. Abbiamo già fatto, infatti, un’ordinanza ai proprietari, non una lavata di faccia come lui dice, sollecitando gli enti preposti, Asl e Arpa e Provincia, ognuno per le rispettive competenze, ad attivare un definitivo atto di bonifica. Agiamo come al solito con serietà senza demagogia”.
Rosario Faggiano